La Stampa

  • Guerra Russia-Ucraina, cos’è successo oggi 24 maggio 2022: battaglia per il grano di Kiev

    Post Content

  • Alba, figlia Down dell’assessore al Welfare di Napoli Luca Trapanese insultata in spiaggia: “Sei brutta e malata”

    La piccola adottata da Trapanese è stata descritta dalla mamma di un altro bambino come “malata e anche brutta”

  • Soros scrive a Draghi: “Serve un leader per un progetto federale europeo. L’Ue più forte di Mosca sul gas”

    Lettera del finanziere al premier italiano: «Occorre un passo avanti nell’Ue, sarebbe un vantaggio enorme»

  • Csm, Gratteri: “Su sicurezza e giustizia Draghi non pervenuto”

    «Non sono stato nominato alla procura nazionale antimafia, ma non esiste nessun magistrato al mondo che abbia fatto più indagini di me sulle mafie”

  • Costretta dall’ex a farsi tatuare il nome di lui sul viso come “un marchio di proprietà”: condannato a 6 anni di carcere

    Im fatti a Frosinone. I due si erano conosciuti su Facebook: contro la donna botte e insulti. È stata costretta anche a leggere testi sacri

  • Il Papa ha nominato Zuppi presidente della Cei

    Francesco sceglie il Cardinale Arcivescovo di Bologna come guida della Chiesa italiana. Gli altri due nomi indicati dai vescovi erano Lojudice e Raspanti

  • Reddito energetico: come richiedere il contributo per pannelli solari e minieolico

    Al via in Puglia il bando per ottenere fino al 20% di finanziamento destinato sia agli impianti privati per le famiglie a basso reddito, sia quelli condominiali

  • Viaggio nel mondo delle sette, ecco come si finisce in trappola: l’identikit delle vittime e le false promesse dei guru

    Il caso della coppia suicida di Spinello, nel Forlivese, riporta i riflettori sul fenomeno delle sette. Don Aldo Buonaiuto in prima linea da 20 anni con la Polizia di Stato: «Sono tutte diaboliche, identificarle non è facile». Alla Squadra AntiSette decine di telefonate ogni giorno

  • Quanto fa paura Mosca? Anche nel summit a 4 tra Usa, Giappone, India e Australia la parola Russia non compare

    Nel documento si fa riferimento a una guerra tragica che sta imperversando in Ucraina: e questo dimostra quando sia complicato per Biden metter d’accordo tutti

  • Metropolis/101 – “Ce la faranno i nostri eroi?” Ospiti D’Incà, Malpezzi, Ranucci e Vito, con Bonini e Moual

    Il ddl concorrenza in Aula al Senato il 30 maggio e il giorno stesso il voto. E’ intesa sulle concessioni balneari? La maggioranza si ricompatta? Ma Letta riattacca: “Salvini trova ogni occasione per giocare a scaricabarile sulla Ue”.
     
    Oggi a Metropolis ci sono il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, la capogruppo al Senato della Lega Simona Malpezzi. In collegamento da Odessa Fabio Tonacci. Con un videoreportage da Genova di Matteo Macor. In studio Carlo Bonini e Karima Moual. Conduce Gerardo Greco.
     
    Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

  • La provocazione di Putin: bombardieri nucleari russi e cinesi volano sul Mar del Giappone mentre Biden è a Tokyo

    Quattro bombardieri con capacità nucleare cinesi e russi hanno sorvolato il Mar del Giappone in un’esercitazione militare congiunta mentre a Tokyo era in corso il vertice Quad di Usa, Giappone, Australia e India alla presenza del presidente americano Joe Biden. Lo riporta il Financial Times citando funzionari statunitensi e giapponesi. “L’esercitazione mostra che la Cina sta continuando la sua cooperazione militare con la Russia nell’indo-pacifico anche se la Russia brutalizza l’Ucraina”, ha affermato un funzionario statunitense, “dimostra anche che la Russia starà al fianco della Cina nel mar cinese orientale e meridionale, non con altri stati indo-pacifici”. Nobuo Kishi, ministro della Difesa giapponese, ha condannato l’esercitazione definendola “provocatoria” e “inaccettabile”. Secondo il ministero della Difesa, non ci sono state incursioni nello spazio aereo giapponese da parte dei quattro bombardieri.Gli aerei non hanno violato lo spazio aereo territoriale, ma è la quarta volta da novembre che voli congiunti a lunga distanza di Russia e Cina sono stati avvistati vicino al Giappone. “Due bombardieri cinesi si sono uniti a due russi nel mar del Giappone e hanno effettuato un volo congiunto verso il mar Cinese orientale”, ha detto Kishi parlando con i media. “Dopodiché, un totale di 4 aerei, due presunti nuovi bombardieri cinesi – che hanno sostituito i due cinesi – e due russi, hanno condotto un volo congiunto dal mar Cinese orientale all’oceano Pacifico”. Un aereo russo per la raccolta di informazioni ha effettuato un volo anche dal nord dell’Hokkaido verso la penisola di Noto, nel Giappone centrale, seguendo con mosse particolarmente “provocatrici” dato il vertice di Tokyo. I leader del Quad hanno messo in guardia contro i tentativi di “cambiare lo status quo con la forza”, malgrado nella dichiarazione congiunta abbiano evitato riferimenti diretti a Russia o Cina, menzionando soprattutto la guerra in Ucraina e una serie di attività di cui Pechino è stata regolarmente accusata nella regione. Kishi ha riferito, secondo i media locali, che il Giappone ha “comunicato attraverso vie diplomatiche le gravi preoccupazioni dal punto di vista della sicurezza del nostro Paese e della regione. Poiché la comunità internazionale risponde all’aggressione della Russia contro l’Ucraina, il fatto che la Cina abbia intrapreso tale azione in collaborazione con la Russia, che è l’aggressore, è motivo di preoccupazione. Non può essere trascurato”. Il Giappone, che ha controversie territoriali con i vicini Cina, Russia e Corea del Sud, invia regolarmente i suoi jet a difesa dei suoi confini aerei: per l’intero 2021 e fino allo scorso marzo, sono state effettuate 1.004 operazione del genere, nelle statistiche del ministero della Difesa, in prevalenza contro aerei cinesi.

  • Coronavirus, il bollettino del 24 maggio: 29.875 nuovi casi, 95 morti. Tasso di positività all’11,1%

    I dati del Ministero della Salute: in calo ricoveri e terapie intensive

  • Sfregiata a 16 anni perché rifiuta di fare sesso con un quarantenne

    Lui è stato condannato a Torino a 6 anni e 3 mesi di carcere. L’ha picchiata nel bagno di una discoteca e le ha tagliato il volto con la lamiera di una lattina di birra

  • Al concerto di Vasco Rossi c’è la vicina di casa a Zocca: “Abitavamo a 200 metri, innamorata di lui fin da ragazzina”

    Tra gli oltre 80.000 fan arrivati al Trotto di Milano per il concerto di Vasco Rossi ce n’è una diversa dagli altri. Si chiama Bruna, ha 61 anni, e viene da Zocca, il paese vicino Modena che ha dato i natali al rocker. “Abitavamo a 200 metri di distanza e – racconta – ho cominciato a seguirlo a 14 anni quando faceva il deejay nella balera di Verucchia e stava a Punto Radio”. La donna, che oggi vive a Brescia, ricorda le prime esibizioni di Vasco mentre cammina lungo le mura dell’ippodromo della Maura: “Eravamo tutte innamorate di lui e le mie canzoni preferite erano Silvia e Albachiara”. Bruna, orgogliosa di possedere tutti gli album di Vasco Rossi, ancora oggi è innamorata del suo idolo e ammette: “Ho sempre creduto in lui, fin dall’inizio”. Con una punta di nostalgia si siede sotto un albero per mangiare un panino assieme ai tanti fan che aspettano di entrare. Vengono da ogni dove, dalla Sardegna, dalla Sicilia, dal Trentino. Ognuno ha la sua storia e la sua canzone preferita. Parte il coro “Vasco, Vasco” e si accende l’atmosfera. Il popolo del Blasco è pronto ad ascoltare il suo re.

    di Andrea Lattanzi

  • Shrinkflation, l’Antitrust accende un faro sulle marche che riducono il contenuto e non il prezzo

    La pratica non è scorretta, ma il Garante vuole essere certo che i consumatori siano correttamente informati e che non ci «pratiche commerciali scorrette»

  • Uber-taxi, siglata una “pace strategica”: 12mila auto bianche useranno l’app globale in oltre 90 città italiane

    Pronto l’accordo per la mobilità urbana dopo anni di polemiche

  • Il duro colpo subito dai russi in Donbass, Kiev attacca uno dei depositi più grandi: distrutti tank e veicoli

    Una guerra di nervi, di propaganda, ma anche di obiettivi militari colpiti e annullati. Nel Donbass il conflitto tra gli eserciti continua a divampare e ogni attacco, da una parte e dall’altra, diventa motivo di cauto ottimismo. Lo dimostra anche l’ultimo attacco portato dall’esecito di Kiev ad un deposito militare russo a Izyum, 120 chilometri a Sud di Kharkiv. Le riprese effettuate da un drone e rilanciate anche dal sito del Ministero della Difesa ucraina mostrano il momento del bombardamento: gli edifici che ospitano i rifornimenti e le munizione bruciano sotto i colpi d’artiglieria, così come i mezzi militari. Il report dell’esercito ucraino riferisce la distruzione di 10 tank, 8 veicoli corazzati e oltre 30 veicoli militari 

  • L’M777 Usa in dotazione alle forze di Kiev colpisce un obiettivo russo da 20 km di distanza: “la precisione dell’obice è insuperabile rispetto a quelli di Mosca”

    I cannonieri della 128a brigata da una distanza di oltre 20 km hanno colpito l’equipaggiamento russo con un obice M777 da 155 mm con caricamento manuale e una cadenza di fuoco fino a cinque colpi al minuto. L’arma, data in dotazione a Kiev dagli Stati Uniti a seconda del tipo di proiettile utilizzato, ha una portata da 24 a 30 chilometri. “Un SUV militare contrassegnato dalla “Z” e diversi soldati nelle vicinanze sono stati colpiti “, si legge nel comunicato del Ministero della Difesa ucraina. Il video in timelapse mostra “l’arrivo” del proiettile e una potente esplosione. Il rapporto stilato dalla Difesa rileva inoltre che la distanza dal bersaglio è superiore a 20 km. “Il tiro accurato dimostra chiaramente l’elevata precisione delle ultime armi che sono arrivate e continuano ad entrare nelle forze armate ucraine “, ha affermato la brigata. “Questo da un vantaggio rispetto agli obici di fabbricazione sovietica usati dalla Russia nella guerra contro l’Ucraina”.

  • Investito e ucciso in tangenziale da un camion mentre cambiava una gomma nella corsia d’emergenza

    Inutile l’intervento dell’elisoccorso

  • Cei, il cardinal Zuppi è il nuovo presidente: la lettura della nomina di Papa Francesco

    “Nomino sua Eminenza cardinal Maria Zuppi presidente della Cei”, firmato papa Francesco. Con queste parole è stato nominato il nuovo presidente della Conferenza episcopale italiana. Matteo Maria Zuppi è arcivescovo di Bologna dall’ottobre 2015 ed è stato nominato cardinale nel 2019 da Bergoglio.

  • Kiev annienta il un super-mortaio russo che ha bombardato la città di Severodonetsk grazie al servizio di un giornalista russo

    Il 20 maggio la propaganda russa ha mostrato in un servizio televisivo il lavoro di un 2C4 “Tulip” dalla città di Rubizhne che grazie al suo mortaio da 240 mm aveva colpito il ponte che collega Severodonetsk con Lysychansk. Le forze ucraine, venute a conoscenza della localizzazione del potente mezzo d’artiglieria semovente che può sparare anche munizioni a testata nucleare della potenza di 0,1-2 kT o a testata chimica, l’hanno colpito distruggendolo. “La guardia nazionale ha annientato l’equipaggiamento nemico, che ha demolito il ponte di Pavlograd e ha bombardato Severodonetsk – ha detto Sergei Gaidai, il capo dell’amministrazione statale regionale di Luhansk Serhiy Haidai – ringraziamo i propagandisti russi per la soffiata”

  • Nell’acciaieria Azovstal conquistata dai russi: ecco quel che resta dell’ultimo baluardo della resistenza ucraina

    Queste immagini, pubblicate su Telegram dal Ministero della difesa russo, mostrano la devastazione dell’area in cui sorgeva l’Azovstal, nella città di Mariupol. Nei pressi dell’acciaieria – per settimana ultimo baluardo della resistenza ucraina e obiettivo principale dei raid russi – i soldati specializzati russi hanno iniziato un’opera di bonifica. I difensori ucraini hanno resistito all’interno dell’Azovstal per 82 giorni prima di arrendersi su ordine dei campi militari ucraini. I superstiti sono stati trasportati dai militari del Cremlino in terriorio russo dove – secondo le ultime informazioni – verranno processati.

  • Dargen D’Amico giudice di X Factor 2022

    Si aggiunge al ritorno di Fedez e all’altra nuova entrata Ambra. Restano da annunciare il quarto componente della giuria e il conduttore

  • Ucraina, il drone kamikaze in azione: individua l’obiettivo e si ‘schianta’

    Circa un mese fa il portavoce del Pentagono – John Kirby – aveva annunciato ai media americani che un piccolo numero di soldati ucraini era stato addestrato dagli Usa all’utilizzo di droni tattici Switchblade. Noti con il soprannome di ‘droni kamikaze’, hanno il compito di schiantarsi contro il bersaglio (generalmente tank e mezzi corazzati) e far esplodere la carica esplosiva che trasportano. Nel video – diffuso dalla propaganda  ucraina – possiamo vedere uno di questi droni kamikaze in azione. 

    Segui la diretta con tutti gli aggiornamenti sul conflitto in Ucraina

  • Nella Mariupol conquistata dall’esercito russo: i genieri individuano le mine e le fanno brillare

    Il Ministero della Difesa russo ha rilasciato alcune immagini che mostrano le operazioni di sminamento nel porto di Mariupol, sulla costa del mare d’Azov. Il video mostra le unità specializzate individuare le mine per poi farle brillare in modo controllato. Secondo il Ministero, i genieri avrebbero esaminato più di 50 chilometri della costa del mare d’Azov e neutralizzato più di 300 ordigni. La città di Mariupol è stata conquistata dai militari del Cremilino nei giorni scorsi dopo tre mesi di un assedio definito ‘medievale’ da molti osservatori internazionali.

    LEGGI GLI AGGIORNAMENTI SULLA GUERRA IN UCRAINA